cosa vedere a edimburgo greyfriars bobby pub
Edimburgo,  Europa,  Scozia

Cosa vedere a Edimburgo: tour dei pub storici

Edimburgo, la capitale della Scozia, è una città che da sempre invoglia la gente a passarci qualche giorno. Non ho mai sentito dire “Edimburgo non mi è piaciuta”, perchè in effetti è molto difficile che non lasci un buon ricordo di sè. Tra i suoi must da non perdere ci sono i pub, ognuno con una propria storia da raccontare, luoghi eterni dove fermarsi a prendere una birra e vivere un’atmosfera unica. Nell’articolo dunque parlo di cosa vedere a Edimburgo, riferendomi ad alcuni pub che meritano assolutamente una sosta.

 

Cosa vedere a Edimburgo: i pub storici

 

Durante il weekend a Edimburgo dello scorso dicembre, ho avuto la possibilità di conoscere diversi luoghi che caratterizzano la città scozzese. Nonostante abbia avuto a disposizione poco tempo, ho fatto un pò di tappe in alcuni dei tanti pub tradizionali di Edimburgo, imparandone la storia e assaggiandone le specialità locali.

Sia nella zona della Old Town, principalmente lungo il famoso Royal Mile o nella piazza Grassmarket, sia nella New Town si trovano differenti posticini che già da fuori invitano i passanti a varcare la porta ed entrare in un mondo unico. In particolare d’inverno, quando le temperature scozzesi non sono proprio amichevoli e il pub si rivela la scelta ideale anche per trovare riparo dal freddo.

cosa vedere a edimburgo pub

Cose da vedere a Edimburgo ce ne sono tante, e tra queste i pub sono luoghi d’interesse che non possono mancare. Andiamo a scoprirne qualcuno insieme!

 

The White Hart Inn

E’ uno dei locali storici della città, tra i più vecchi in assoluto. Si dice che la sua costruzione sia avvenuta nel 1516 addirittura, anche se l’edificio attuale risale alla metà del ‘700.

Come vi dicevo, ogni pub di Edimburgo porta con sè una leggenda. Si narra infatti che il nome derivi da un preciso momento della vita del Re Davide I. Un giorno che andò a caccia col suo fidato cavallo, incontrò un cervo bianco sulla sua strada che gli provocò spavento. Riuscì ad evitare di essere incornato solamente grazie all’apparizione miracolosa di una croce ardente che fermò le serie intenzioni dell’animale. In segno di ringraziamento Davide I fece costruire l’Abbazia di Holyrood, nel 1128, abbandonata poi nel XVIII secolo.

the white hart inn edimburgo

Il locale è piuttosto piccolo, ma l’atmosfera all’interno è quella giusta per godersi una fresca birra locale o provare un bicchiere di buon whisky. Belli i dettagli, da immortalare, come il soffitto ornato da una sfilza di boccali di birra in ottone e sulle travi alcuni versi tratti dalle poesie di Robert Burns. Se vi piace la musica tradizionale, fermatevi! Ogni sera troverete qualcuno ad allietare i vostri momenti con canzoni tipiche scozzesi.

tour pub storici edinburgh

  • Posizione: 32-34 Grassmarket
  • Orari: tutti i giorni dalle 11 alle 24, venerdì e sabato fino all’1. La cucina apre alle 12 e chiude alle 21.

 

The Royal Mile Tavern

Posto sulla High Street, The Royal Mile Tavern è un tipico pub scozzese molto amato sia dai locali che dai turisti. Come in altri, non può mancare la musica live, ogni sera a partire dalle 21.45, quando gli artisti del luogo rallegrano le serate a suon di pop moderno o rock classico.

the royal mile tavern

Nel mentre, perchè non degustare una specialità tipica, come l’Haggis o l’eterno Fish & Chips, magari sorseggiando una tra le svariate birre alla spina o in bottiglia offerte dal pub?

haggis edimburgo

royal mile tavern mangiare

  • Posizione: 127 High Street
  • Orari: lun-ven dalle 11 all’1; sab e dom dalle 9 all’1

 

Deacon Brodie’s Tavern

Questo è uno dei miei preferiti, sia per la struttura, che per la storia del pub. E’ un locale molto popolare, frequentatissimo in ogni giorno dell’anno. Se avete intenzione di fermarvi a mangiare, al ristorante situato al piano superiore, vi raccomando di prenotare, perchè c’è sempre il rischio di non trovare posto.

deacon brodie's tavern

Il nome del pub deriva dal diacono William Brodie, un personaggio leggendario fortemente radicato nella storia misteriosa di Edimburgo. Chi era William? Semplicemente una persona dalla doppia faccia. Eletto consigliere comunale, di giorno era un rispettato uomo d’affari, mentre di notte si trasformava in un temibile ladro amante del gioco d’azzardo. Veniva spesso ingaggiato per realizzare chiavi d’ingresso delle abitazioni di clienti che lo reputavano un amico, ma lui ne approfittava per andare a svaligiarle.

Quando fu smascherato, nei Paesi Bassi, William venne riportato a Edimburgo e impiccato, utilizzando una forca nuova fiammante che lui stesso aveva messo a punto. La storia di questo strano personaggio è stata d’ispirazione per la stesura del celebre racconto gotico “Dr Jekyll e Mr Hyde”, di Robert Louis Stevenson.

deacon brodies cosa vedere edimburgo

  • Posizione: 435 Lawnmarket
  • Orari: dom-giov dalle 12 alle 24; ven e sab dalle 11 all’1

 

Greyfriars Bobby’s Bar

Il Greyfriars Bobby rientra tra le cose da vedere a Edimburgo, soprattutto per la splendida storia che è stata d’ispirazione per la nascita di questo pub. Bobby era il nome del cane, di razza skye terrier, di proprietà di John Gray. Egli lavorava come guardia notturna e per due anni tutte le sere andavano insieme a perlustrare le strade della città. John morì di tubercolosi e Bobby, affezionatissimo al padrone, trascorse il resto della vita accanto alla sua tomba e morì dopo quattordici anni.

Per questo motivo il Greyfriars Bobby’s Bar non è un semplice luogo di ristoro come tanti altri, bensì è un luogo che emoziona per l’incredibile storia che si porta dietro. Fateci un salto e non perdetevi la statuina di Bobby posta all’esterno.

cosa vedere a edimburgo greyfriars bobby pub

  • Posizione: 30-34 Candlemaker Row
  • Orari: dom-giov dalle 12 alle 24; ven e sab dalle 12 all’1

 

The World’s End

Un tradizionale pub dove respirare la storia di Edimburgo. Letteralmente “la fine del mondo”, per il semplice fatto che è posizionato laddove un tempo, tra il XVI e il XVII secolo, vi era una cinta muraria che divideva la Old Town dal resto della città. Il cosiddetto Flodden Wall si trovava proprio all’entrata del pub. Siccome in quegli anni Edimburgo viveva una situazione difficile, causata dalla forte presenza di briganti e delinquenti, e gli spostamenti oltre le mura richiedevano il pagamento di un pedaggio, la maggior parte dei cittadini viveva proprio all’interno delle mura e moriva lì.

Da qui il nome dato al pub, per ricordare un importante momento che fa parte della storia della città. Una volta entrati all’interno, ci sarà la possibilità di assaporare piatti e bevande tipiche, nella solita atmosfera cordiale che caratterizza i pub edimburghesi.

the world's end edinburgh

  • Posizione: 4 High Street
  • Orari: tutti i giorni dalle 11 alle 24

 


 

Il tour dei pub storici di Edimburgo si conclude qui. Questa è solo una minima parte di ciò che potrete trovare in città, ne mancano moltissimi all’appello. Voi ci siete mai stati? Tra le cose da vedere a Edimburgo, avete qualche taverna da consigliarmi per la prossima volta che mi troverò in terra scozzese? Lasciate un commento!

4 commenti

  • Silvia The Food Traveler

    Non conoscevo nessuno di questi pub, però avevo sentito parlare del Greyfriars Bobby’s per via della storia del cane. Ah, l’haggis, quanto mi piace! Tornerei in Scozia solo per quello.
    A Edimburgo ero stata in un pub che si chiama The Black Cat: ottimo soprattutto per pranzo perché serve piatti veloci, o anche solo per una birra (ottima selezione di craft beers).

    • pietrolley

      Quello non l’ho visto! Ma sai che ce ne sono talmente tanti.. e devo dire che mi piacciono tutti quanti! 😁
      L’haggis non mi ha fatto impazzire, peró non è male!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *